incontriamoci

Una relazione genuina e pura è quanto di più difficile si possa instaurare nella nostra società dato che le persone si avvicinano l'un l'altra indossando svariati involucri protettivi. Ma se una persona si ponesse spogliata delle sue barriere difensive così com'è  
"nuda" offrirebbe la possibilità anche al suo interlocutore di non aver più bisogno di proteggersi, costruendo così un rapporto sincero e pieno.

Non sprechiamo l'incontro per parlare d'altri, raccontando pettegolezzi o che tempo farà, o atteggiandoci a persone di successo o al contrario a degli sfigati, guardiamoci negli occhi e ascoltiamoci.

Quale parte del futuro è reale?

Una persona ha veramente bisogno di fare dei piani?
Sarà la vita, di cui è espressione, a guidarla.
Accetti di essere guidato da dentro e la vita diventa un viaggio nell'ignoto.
Quale parte del futuro è reale?
Quella inaspettata e imprevedibile.
Si è sempre liberi.

Nisargadatta Maharaj

foto: camminando sul monte alle spalle di Calapuja (4500 mt circa s.m.)

http://marinamagro.blogspot.it/p/peru.html

pag. 64 da "Odore di Perù"

La legna bruciava emanando un profumo dolce. Di tanto in tanto ne aggiungevo altri pezzi per alimentare la fiamma.
Claudio si ritirò nella sua camera-studio come avrebbe fatto ogni pomeriggio.
Osservavo il colore e l'intensità del fuoco, ne ero ammaliata. Il rumore della pioggia battente sui tetti di lamiera e il calore avvolgente sprigionato dalla stufa mi impedivano di spostarmi dalla comoda sedia imbottita e dalla stanza, mi sentivo a casa.
I miei pensieri vagavano sulla possibilità di proseguire il viaggio come mi ero prefissata.
Non capivo cosa mi stesse succedendo ma una sensazione, una percezione profonda mi impediva di andarmene, sentivo che volevo stare ancora un pò a Calapuja. Volevo ascoltare i racconti di padre Claudio e osservare come, attraverso i suoi movimenti, riusciva a prendere contatto con la gente. Volevo stare vicino a Beatrice, percepire il suo essere donna in quella realtà così lontana dal mio modello occidentale. Bramavo vivere la giornata con la famiglia, partecipare alle loro attività quotidiane. Desideravo assorbire, impregnarmi il più possibile di tutte quelle sensazioni a me finora sconosciute che emergevano, momento dopo momento come fiori in un prato annaffiato dalla pioggia primaverile, 
dalla mia coscienza.

La stazione

 Quale altro posto, meglio di una stazione, riflette lo spirito di un paese,
lo stato d’animo della gente, i suoi problemi?

La strada

La vera moralità consiste non già nel seguire il sentiero battuto,
 ma nel trovare la propria strada e seguirla coraggiosamente.

M.Gandhi