la maggioranza dei giapponesi ha visto una geisha solo in tv o nelle sfilate dei festival, primo giorno a Kyoto ne ho incontrate tre, giorno fortunato?

Icona della femminilità con il volto bianco e le labbra rosso come petali lucenti, vivace, loquace, sensuale e dotata di talento, la  geisha riassume le sfaccettature che Confucio condannava in una moglie virtuosa.
Le gheishe erano 100.000 prima della II guerra mondiale, oggi non sono più di 1.000.
Le geishe nacquero nei quartieri del divertimento (mondo fluttuante) circa 300 anni fa, erano esperte nel canto e nella danza.

Dal Nepal report scolastici dei bambini di Tanya Basti e nuovo versamento quote annuali


Con gioia vi comunico che i tre bambini avviati lo scorso anno in un percorso di formazione scolastica, sostenuto dal Progetto fotografico - Nepal, cultura, spiritualità e infanzia -  ( http://marinamagro.blogspot.it/2014/12/progetto-triennale-di-scolarizzazione.html )
hanno concluso con successo il primo anno di scuola, come potete osservare dai tre report condivisi. qui sotto.  Sono molto soddisfatta e orgogliosa di queste tre creature, la volontà di riscatto e l'impegno costante ha dato loro un gioioso risultato! Bravissimi bambini!

Vi ricordo che questo progetto vuole aiutare i bambini in maggior stato di difficoltà per garantire loro un breve cammino di educazione scolastica, offrendo strumenti basilari per una seppur piccola crescita personale, incentivando così un percorso di cambiamento sociale.
Il progetto non si appoggia a nessuna struttura internazionale e i bambini che ne usufruiscono rimangono nel loro villaggio e nella loro comunità.

Da poco conclusa l'esposizione della mia mostra nepalese al Lido di Venezia, nuovi amici  si sono aggiunti alla condivisione di questo progetto di sostegno allo studio.
Grazie alle donazioni di più persone di cuore ho potuto versare la quota annuale per coprire le spese scolastiche del secondo anno scolastico. 
Sarà Amir,   ( http://marinamagro.blogspot.it/2014/12/come-nasce-un-progetto-premessa-del.html ) il mio giovane amico di Katmandu, a prendersi cura di andare al Villaggio di Tanya Basti per versare le quote del nuovo anno di studio che comincerà a fine aprile.

Grazie, grazie di cuore ad ognuno di voi.

L'arte e la cultura al servizio della solidarietà, per costruire ponti tra realtà lontane e diverse.

Namaste (saluto il divino che c'è in Voi)











(documento dello scorso anno)

Il costo della transazione è stato di 412 Euro

Oltre la soglia




Oltre la soglia
scoprendo la vita al di là di ciò che sembra;
ogni cosa, ogni esperienza,
anche la più terribile
odora di verità,
che ci apparirà,
in uno sguardo sereno e distaccato
sapendo che questo viaggio,
in fondo,
lo abbiamo cercato.






premiazione concorso "Heart Quake", un ringraziamento speciale all'Orchestra giovanile di Vicenza

La vincitrice del Concorso Manuela Gennburg di Silea Tv, con la bella foto alla sua destra: Riflessione
Annamaria Cordova, Assessore Partecipazione 
Orchestra giovanile di Vicenza
Villa Lattes 




Maestro Attilio Pavin e Antonio Cunico (presidente Puntofocale)
organizzatori e premiati




Nicola Urbani di Vicenza e la sua foto segnalata: Ritorno a casa
Giovanni Brighente (premio autore), Manuela Gennburg primo premio, Anna Massignan, secondo premio,
Nicola Urbani, foto segnalata

mi piace pensarti felice e un pò pazzarella



Zina non è più con noi, se n'è andata così veloce che ancora ho difficoltà a credere sia vero. Voglio ricordarla come la "mia principessa greca" esuberante e felice, capace di amore incondizionato, paziente e fedele. Insieme siamo state felici.










Concorso Fotografico "HEART QUAKE - I battiti del cuore" 9 aprile 2016 (Progetto: Nepal Academy Professional, scuola professionale di Panauti)

Premiazioni Concorso fotografico nazionale 
“Heart Quake – I battiti del cuore”


Si è concluso il  Concorso fotografico nazionale “Heart Quake – I battiti del cuore”.

In totale  hanno partecipato 73 autori, i quali hanno fatto pervenire 289 opere per la sezione unica immagini digitali. Le opere inviate sono state molto apprezzate, rendendo difficile il compito di valutazione e scelta.

La giuria, composta da Annamaria Cordova (Assessore alla Partecipazione del Comune di Vicenza), Attilio Pavin (fotografo), Marina Magro (fotografo), Antonio Matteazzi (Vice Presidente del Fotoclub Il Punto Focale BFI in sostituzione di Federico Bevilacqua) e Antonio Cunico (Segretario del Fotoclub Il Punto Focale BFI), ha ammesso alla mostra 52 opere di 29 autori. Di queste, 13 saranno premiate.

La cerimonia di  premiazione avrà luogo 
 in Via Ozanam 5, Vicenza, ore 15
presso il cinema Primavera

L'Orchestra Giovanile Vicentina ci intratterrà per un breve concerto 
cui faranno seguito
le premiazioni degli autori alla presenza della giuria.


Ci si sposterà quindi a Villa Lattes, Via Thaon di Revel 44, dove alle ore 16,30 verrà inaugurata la mostra del Concorso. Seguirà un rinfresco.

Il Concorso fotografico è stato organizzato dall'Assessorato alla Partecipazione del Comune di Vicenza, dalla Federazione Italiana Associazioni Fotografico, dal C.R.A.I.M., e dal Fotoclub Il Punto Focale B.F.I., in collaborazione Unicomondo e RCE Foto.

E' la prima volta che gli organizzatori allestiscono un concorso fotografico fondato su un'azione di solidarietà. L'arte fotografica è un potente strumento di comunicazione, utilizzarla come veicolo sociale la rende ancora più preziosa. 
Grazie alle adesioni pervenute, sono stati raccolti € 1.203, che saranno destinati a sostegno del progetto Heart Quake in Nepal.

Il paese, dopo il violento terremoto che lo ha colpito il 25 aprile dello scorso anno, ha cambiato aspetto. Moltissime le case distrutte, le strade interrotte, i caratteristici monumenti di legno e mattoni, patrimonio dell'umanità, perlopiù inagibili.

Con il concorso fotografico si è inteso raccogliere fondi da destinare alla Nepal Academy Professional, scuola professionale di Panauti, dove circa 40 allievi vengono formati alla scultura del legno, alla colata di metallo ed alla costruzione tradizionale in muratura, in modo da diventare professionisti in recupero di beni.

Lavoro divenuto prezioso, visti i moltissimi edifici storici e monumenti da recuperare.

La raccolta fondi proseguirà anche il giorno delle premiazioni, infatti coloro che fossero interessati potranno fare un'offerta libera.

La cittadinanza è invitata a partecipare alle premiazioni, sabato alle ore 15,00 
e a visitare la mostra a Villa Lattes, Vicenza
che rimarrà aperta fino al 30 aprile 2016, 
con orario dal lunedì al venerdì 9-12, martedì e giovedì 15-18,30.





Certi incontri sono rivelatori, niente sarà più come prima


Certi Incontri possono diventare viaggi dell'anima, esperienze profonde che segnano la nostra vita, modificandone il corso, rivelando di noi aspetti nuovi, sconosciuti o forse dimenticati.
Certi incontri sono rivelatori, niente sarà più come prima.
Nuove energie e nuove consapevolezze muoveranno i nostri futuri passi. 
Ciò significa essere vivi; il rinnovamento, il cambiamento sono sinonimo di vita.
In fondo la Natura, di cui siamo parte, ce lo mostra continuamente.